Potenziamento cognitivo

Considerato che tutti gli interventi precoci sono potenzialmente utili, non appena la famiglia nota i primi segnali di un possibile DSA. Difatti sarebbe opportuno rivolgersi il prima possibile allo specialista, per avviare specifici percorsi di potenziamento. In base alla diagnosi, ai risultati dei test, all’osservazione e descrizione del bambino, il clinico imposterà una proposta di trattamento ad hoc per ciascun bambino/ragazzo contenente: 

 

  • obiettivi da raggiungere;
  • durata e frequenza del trattamento;
  • attività e strumenti utilizzati;
  • monitoraggio dei risultati raggiunti;
  •  aggiornamenti e restituzione della relazione clinica alla famiglia.

Il trattamento riabilitativo può coinvolgere direttamente la famiglia. Inoltre essa può estendere il lavoro in studio continuandolo a casa, in base alle indicazioni dello specialista e della condivisione dei percorsi e dei miglioramenti del bambino. La proposta d’intervento individuale di potenziamento cognitivo consente di lavorare sul metodo di studio e sull’apprendimento con gli strumenti compensativi, tecnologici, per rinforzare quelle abilità che più risultano carenti e valorizzare le caratteristiche di ogni studente. I percorsi individuali di potenziamento oltre a favorire l’autonomia scolastica, permettono inoltre di lavorare sull’autostima (la valutazione che ciascuno attribuisce a sé stesso), sul senso di auto efficacia, (cioè la fiducia nella capacità di fare e di poter raggiungere determinati traguardi), strettamente connessi allo sviluppo e mantenimento della motivazione e alla capacità di agire in modo attivo, avendo fiducia nelle proprie capacità.

Per ulteriori informazioni, contattaci

Utilizziamo i cookie per migliorare l' esperienza sul nostro sito.
Open chat